Accademia di Tango Argentino - Dove il Tango si vive, si balla, si suona.
RSS

Articoli recenti

Origini della danza in Argentina prima del Tango
Roberto Reis e Natalia Lavandeira a Marina di Ragusa 22-29 luglio
programma vacanze tango sicilia
Riflessioni di Juan Carlos Copes
Stage di Musicalità a Siracusa e Noto con Jean Filoramo per Carina Morrudo Tango

Categorie

musica e danza tango
musica tango
Storia, origini del Tango
tango appassionati
tango milano, corsi lezioni progetti, idee e tuttigli eveti sul tango a Milano e in Lombardia.
powered by

Il mio blog

Origini della danza in Argentina prima del Tango

Quali erano le origini della danza in Argentina prima dell'arrivo della Milonga o del Tango?

Il panorama si presentava sicuramente variegato e molteplice, attingeva ad antiche danze, inno alla fertilità, alle danze spagnole, danze africane, ritmi cubani, tra soldati e marinai che ballavano.
Un coacervo di tradizioni, origini, derivazioni che non possono attingere solo ed esclusivamente al patrimonio delle danze di coppia uruguayane e argentine.
Etnologi, antropologi e studiosi della musica ritengono che per studiare la formazione di una danza, si debba sempre partire dalle tradizioni popolari più antiche, dalle danze sacre, dagli aspetti ancestrali della danza, cosa che spesso, purtroppo, si tende a dimenticare quando si studia la genesi del ballo di coppia.

La comune matrice, recuperata e adattata attraverso le varie pratiche culturali e sacrali, risalenti addirittura alla antica civiltà neolitica, si è trasmessa nel corso dei secoli dal Mediterraneo all'Africa e da lì al nuovo Continente, con gli stessi ritmi e le stesse procedure di approccio.
C'è stata un'epoca, la cosiddetta epoca della civiltà sacrale, in cui danza e religione erano inscindibilmente unite per celebrare i riti legati alla fertilità, i cicli di vita e di morte. 
Ma dal momento in cui queste pratiche furono considerate pericolose, funeste e incontrollabili, vennero sottoposte dapprima a processi di contenimento e razionalizzazione, poi furono direttamente abolite. Sopravvissero comunque e furono integrate in altre pratiche e altri rituali. Arrivò comunque un momento in cui la danza e la dimensione religiosa presero due direzioni diverse e si allontanarono definitivamente una dall'altra. La danza venne esclusa dagli avvenimenti religiosi per il suo carattere lascivo, per essere associata a riti come i Baccanali, dal carattere orgiastico e dionisiaco che mal si accordavano con lo spirito apollineo e contenuto del Cattolicesimo. Pur tuttavia, come si accennava, le tracce di una tradizione antica quanto l'uomo non possono dileguarsi completamente e le ritroviamo nelle danze e nelle feste di ispirazione popolare, feste e rituali di chiara origine pagana, che furono recuperati nella Spagna arabeggiante sotto forma di Calendas e che perdurarono fino al divieto ufficiale da parte di Re Carlo III del 1783.

Ciò nonostante questi ritmi hanno continuato a sopravvivere attraverso il folklore e il sincretismo, tra percussioni africane e danze cultuali esportate dai primi coloni spagnoli: di fatto non era poi così improbabile che la cultura spagnola e quella araba arrivassero a dialogare se quei ritmi e quei temi, propizi alla fertilità, erano poi gli stessi, retaggio dell'antica cultura pagana europea e delle civiltà sacrali africane.
Queste danze di coppia, lente e lascive, cariche di sensualità ed erotismo, che animavano le strade di Cuba, paradossalmente non si discostavano poi tanto dalle flemmatiche danze francesi, che arrivarono dall'Europa, importate dai colonizzatori, ma che, straordinariamente, conservavano gli stessi ritmi di quelle danze autoctone.
Insomma si trattava in realtà di espressioni diverse di una stessa vecchia originaria matrice culturale.

L'africanizzazione delle danze europee e l'armonioso dialogo tra i ritmi occidentali e e quelli africani ci può dare una vaga idea di quanto sia accaduto in tutto il Caribe, in Brasile, a New Orleans, e molto probabilmente anche in Uruguay e Argentina.

A Buenos Aires, in particolare, convivevano una moltitudine di culture specifiche di immigranti provenienti da tutti i paesi, ma, si può dire che la cultura di base, su cui si è sviluppata e diffusala città stessa, ha attinto per lo più dalla radice spagnola. E la Chiesa ha avuto il suo ruolo specifico nella formazione delle danze e nella trasmissione delle culture. Nella stessa Spagna convivevano due riti, quello di origine cattolico e quello di origine araba detto rito sivigliano o mozarabe, che fu importato anche a Buenos Aires, diffuso e praticato. La Chiesa, che, beninteso, era molto influente e gestiva il potere temporale della città, permise la sopravvivenza dei canti sacri e delle danze durante la celebrazione delle cerimonie religiose, facendo in modo che non si perdessero tradizioni legate alla cultura spagnola, la maggior parte di ispirazione profana, peraltro. 

Tra questi va annoverato ad esempio il Fandango, di origine andalusa e popolare, di origine guineiane e arabe, evocative delle danze sacre di fertilità. Accompagnato da nacchere e chitarra, si sviluppa su una progressiva accelerazione del tempo. L origine etimologica del nome sembra ricondurci alla radice latina Fatum, destino, da cui proviene anche la parola fado. La danza venne introdotta dagli spagnoli di ritorno dalle Indie Occidentali, dopo aver frequentato i neri deportati dalla Guinea.
Caratterizzato da movimenti bruschi, il fandango, si praticava in coppia, accompagnato da nacchere e chitarra. I ballerini segnano il movimento con le nacchere e battendo il tallone. Non si toccano. E' in tono minore, i movimenti sono vivaci e voluttuosi.


1 commento a Origini della danza in Argentina prima del Tango:

Commenti RSS
Poole on mercoledì 23 maggio 2018 16:38
I delight in, ⅼead tο I discoveгed just what I used to be taking a look for. You've еnded my 4 day lengthy hunt! God Blesѕ you man. Have a great day. Bye
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment
Assistente di creazione sito web fornito da Vistaprint